A TUTTA LA CLIENTELA

Nella sua seduta del 13 marzo 2020, il Consiglio federale ha deciso ulteriori provvedimenti per contenere la propagazione del coronavirus e per proteggere la popolazione e il sistema sanitario. 

Per quanto riguarda specificamente il settore delle merci, il Consiglio Federale NON HA POSTO ALCUNA RESTRIZIONE. Le merci potranno quindi continuare ad entrare nel territorio Elvetico sia in transito che trasporto in entrata definitiva in Svizzera.

Di seguito lo stralcio del provvedimento che riguarda il settore:

Provvedimenti alla frontiera

Il Consiglio federale ha deciso di introdurre con effetto immediato controlli alle frontiere con i Paesi dello spazio Schengen se la situazione lo esige. Dall’Italia possono entrare in Svizzera soltanto i cittadini svizzeri, le persone con un permesso di soggiorno e quelle che devono venire nel nostro Paese per motivi professionali. Continuano a essere permessi il traffico di transito e il trasporto di merci. Infine possono varcare il confine con l’Italia le persone in situazione di assoluta necessità. Questo provvedimento serve, in primo luogo, a proteggere la popolazione svizzera e ad assicurare al sistema sanitario svizzero le risorse necessarie. Inoltre sostiene l’efficacia dei decreti italiani per contenere la diffusione del coronavirus. Il Consiglio federale monitora costantemente la situazione e se necessario estenderà i provvedimenti alla frontiera ai viaggiatori di altri Paesi o regioni.

I nostri uffici rimangono quindi operativi ed aperti

Rimanete collegati al nostro sito www.paganitrasporti.com per ogni ulteriore aggiornamento.

#andràtuttobene

PAGANI TRASPORTI SA ringrazia di cuore il Consiglio Federale e la Svizzera tutta per il sostegno e per la celerità dei provvedimenti